webcam puntate in faccia ai passeggeri



American Airlines e Singapore Airlines al centro della polemica: i loro sistemi per l’intrattenimento montano una webcam perennemente puntata sulla faccia dei passeggeri.

Le webcam sono montate sugli schermi per l’intrattenimento dei Boeing 777-200, 777-300ER e su quelli dell’Airbus A330-200. Così come su alcuni dei modelli sempre della Boeing usati dalla Singapore Airlines.

Gli schermi sono disponibili per i clienti delle classi premium economy di American, e su quelli dei settori business, economy e premium economy della gemella Singapore Airlines. Si parla di IFE, In Flight Entertainment. Ovviamente il loro scopo è quello di permettere ai passeggeri di guardare film e serie televisive durante i viaggi più lunghi, in alcuni casi questi sistemi di intrattenimento includono pure un piccolo catalogo di videogiochi —atroci, ve ne avevamo parlato in questo articolo.

La produzione degli schermi sono commissionate ad aziende terze, come Panasonics. La polemica ovviamente nasce dal timore per la privacy dei passeggeri: perché le due compagnie aeree si sono sentire in dovere di puntare una telecamera in faccia ai loro clienti? A cosa serve? Domande che hanno ricevuto una risposta secca da parte delle aziende coinvolte: “A nulla“, a quanto pare.

I monitor sarebbero stati prodotti con una webcam di default, forse pensando alla possibilità di abilitare le telechiamate in futuro. Per il momento non hanno nessuna funzione, e non registrerebbero attivamente i passeggeri, stando a quanto hanno spiegato sia American Airlines e Singapore Airlines.

L’unico errore delle due aziende sarebbe quello di non aver comunicato con sufficiente trasparenza il (non) funzionamento delle telecamere, dunque. Perché di violazioni della privacy non sembrerebbe esserci traccia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *