Via della Seta, Conte a Pechino: attenti a iniziative predatorie su 5G


“Ci aspettiamo maggiori investimenti cinesi in Italia ma siamo ben attenti a che non ci siano iniziative predatorie, soprattutto in un settore così caratterizzato da una sofisticata tecnologia come il 5G”. A dirlo è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in visita in Cina dove rimarrà tre giorni in occasione del forum Belt and Road sulla Via della Seta (COS’È). Il premier, dopo l’arrivo a Pechino (LE FOTO), ha incontrato una rappresentanza della comunità italiana in ambasciata. 

Conte: “Ho il dovere di tutelare la protezione dei dati”

L’esecutivo, ha spiegato Conte parlando degli investimenti cinesi nel nostro Paese, vigila perché “siano assicurati standard di sicurezza massimi nella protezione dei dati. Come responsabile del governo ho il dovere e l’assoluta premura di tutelare la protezione dei dati e i livelli di sicurezza delle nostre infrastrutture strategiche”. “Siamo stati molto determinati nel condurre” l’iniziativa del memorandum sulla Via della Seta “perché pensiamo sia importante cogliere queste opportunità”, ha aggiunto il premier incontrando la comunità italiana.

I principi di trasparenza a sostenibilità finanziaria

“Sono contento che oggi Xi nel suo discorso inaugurale del forum Belt and Road abbia citato principi fondamentali come la sostenibilità finanziaria e la trasparenza”, ha detto Conte. “Quei principi abbiamo chiesto fossero inseriti nel Memorandum tra Italia e Cina: come ho spiegato ai nostri partner europei, l’Italia non solo crea opportunità per sé ma per l’Europa intera. Il rapporto con la Cina è una grande opportunità per tutti”.

“L’Italia vuole essere in Cina”

“L’Italia vuole essere” in Cina, “come dimostrano le iniziative assunte come governo sia in termini di presenza qui, sempre più marcata, di esponenti del nostro governo, sia con la visita del presidente Xi Jinping a Roma – ha sottolineato poi Conte – È stata una visita molto importante che ha scandito un passaggio significativo delle relazioni tra i due Paesi. Abbiamo sottoscritto, con il vicepresidente Di Maio, il memorandum sulla Via della Seta”.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *