Vaccini, Oms e Ue uniscono le forze per promuoverne i benefici


Si è svolto a Bruxelles il primo Global Vaccination Summit, un vertice mondiale organizzato dalla Commissione Europea, in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, incentrato sul tema delle vaccinazioni. L’evento, svoltosi sotto l’egida congiunta del presidente Ue Jean Claude Juncker e del direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, aveva l’obiettivo generale di fornire visibilità di e sostegno politico al tema della vaccinazione, che, sostengono gli organizzatori, è la misura di sanità pubblica di maggior successo per salvare milioni di vite ogni anno. Tra gli intenti principali quello di dimostrare la leadership dell’Ue nell’impegno globale nei confronti della vaccinazione, il sempre più sentito impegno politico verso l’eliminazione delle malattie prevenibili con i vaccini e il coinvolgimento di leader politici e personalità dell’ambito scientifico, medico, industriale, filantropico e civile nell’azione globale contro la diffusione della disinformazione sui vaccini.

Le parole di Juncker e Ghebreyesus

Netto e deciso il monito del presidente Jean-Claude Juncker che ha aperto i lavori: “È ingiustificabile che in un mondo sviluppato come il nostro ci siano ancora bambini che muoiono a causa di malattie che avrebbero dovuto essere sradicate molto tempo fa. Peggio ancora, abbiamo la soluzione nelle nostre mani ma non viene sfruttata appieno. La vaccinazione previene già 2-3 milioni di decessi all’anno e potrebbe prevenirne altri 1,5 milioni se la copertura vaccinale globale migliorasse”. Juncker inoltre ha garantito che la Commissione Europea continuerà a lavorare con gli Stati membri per aumentare gli sforzi nell’affrontare quella che ha definito “una sfida globale che dobbiamo affrontare insieme e ora ". Sulla stessa lunghezza d’onda anche il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms: “Dopo molti anni di progressi, siamo a una svolta critica. Il morbillo si sta ripresentando e 1 bambino su 10 continua a non fare i vaccini essenziali per l’infanzia", ha detto. “Possiamo e dobbiamo rimetterci in carreggiata. Lo faremo solo assicurando che tutti possano beneficiare dei benefici dei vaccini e se i governi e i partner investono nell’immunizzazione come un diritto per tutti e un bene sociale. Ora è il momento di intensificare gli sforzi per sostenere la vaccinazione come parte fondamentale della salute per tutti ".

Il caso morbillo

Gli esperti, nel corso del vertice, hanno chiesto un’urgente intensificazione degli sforzi per fermare la diffusione di malattie prevenibili con il vaccino come il morbillo. Negli ultimi 3 anni, sottolineano i dati presentati nel corso dell’evento, 7 paesi, di cui 4 nella regione europea, hanno perso il loro status di morbillo-free. I nuovi focolai sono il risultato diretto delle lacune nella copertura vaccinale, anche tra adolescenti e adulti che non sono mai stati completamente vaccinati. Per affrontare efficacemente le lacune della vaccinazione, il vertice ha affrontato le molteplici barriere alla vaccinazione, inclusi diritti, normative e accessibilità, disponibilità, qualità e convenienza dei servizi di vaccinazione. A margine dei lavori, tra l’altro, sono stati sottolineati una serie di numeri su cui riflettere. Finora nel 2019, i casi di morbillo segnalati hanno raggiunto il numero più alto mai segnalato a livello globale dal 2006. Un aumento dei casi di morbillo iniziato nel 2018 è continuato nel 2019, con circa 90.000 casi segnalati per la prima metà dell’anno nella regione europea dell’Oms da sola e oltre 365.000 in tutto il mondo. Queste cifre semestrali superano già il totale annuale dal 2006.

La sfiducia delle persone sul tema vaccini

L’Oms ha sottolineato fermamente come i vaccini siano sicuri ed efficaci e come siano alla base di qualsiasi forte sistema di assistenza sanitaria primaria. Riportando i dati del Welcome Global Monitor, è emerso come in tutto il mondo il 79% delle persone concordi sul fatto che i vaccini siano sicuri e l’84% sul fatto che siano efficaci. Tuttavia, lo stato di fiducia delle persone nei confronti dei vaccini nella relazione dell’Ue mostra che il rifiuto del vaccino è aumentato in molti Stati membri, a causa della scarsa fiducia nella sicurezza e nell’efficacia dei vaccini in tutto il mondo. Questa mancanza di considerazione contribuisce significativamente a ridurre i tassi di copertura, che sono essenziali per garantire l’immunità di gregge e stanno portando ad un aumento dell’epidemia. Secondo i dati di Eurobarometro di aprile di quest’anno, quasi la metà del pubblico dell’UE (48%) ritiene che i vaccini possano spesso produrre gravi effetti collaterali, il 38% pensa che possano causare le malattie contro le quali protegge e il 31% è convinto che possano indebolire il sistema immunitario. Queste cifre sono anche il risultato di una maggiore diffusione della disinformazione sui benefici e sui rischi dei vaccini attraverso i media digitali e sociali.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *