un giro di pista a bordo dell’Audi E-tron



Sabato 13 aprile prender il via il secondo ePrix di Roma, nello stessa cornice, splendida, che contribu al successo della prima edizione. E’ passato solo un anno ma sono cambiate tante cose in un mondo, quello dei motori, che corre sempre pi velocemente verso l’elettrico. Il campionato di Formula E, massimo sponsor della mobilit sostenibile da una parte e laboratorio per le prossime generazioni di vetture di serie dall’altra, non poteva rimanere immune a questi cambiamenti. Le monoposto che si contenderanno la vittoria tra i 2,8 km del circuito dell’euro sono arrivate alla seconda generazione, la cosiddetta Gen2, mentre sempre pi costruttori importanti sono presenti in griglia ed altri ancora hanno gi annunciato il loro ingresso nelle prossime edizioni del campionato elettrico. Il mercato delle auto di serie, dal canto suo, in un anno si arricchito di diversi modelli full-electric, e continuer a farlo per diversi anni, con proposte che spaziano dalle citycar ai SUV di fascia Premium. Tra quest’ultimi si da poco aggiunta l’Audi e-tron, primo SUV totalmente elettrico di Ingolstadt, l’ambassador Audi sulle strade di tutti i giorni per la mobilit sostenibile. A bordo dell’Audi e-tron abbiamo fatto un giro sul circuito dell’Eur, provando a immaginare i punti di distaccata, le velocit raggiunte e i punti pi critici che dovranno affrontare i bolidi della Formula E.

Il giro di pista
Partiamo dall’obelisco di Piazzale Marconi percorrendo il breve rettilineo verso il Pala-Lottomatica, lasciandoci sulla destra la prima curva (il percorso ancora aperto al traffico), un tornante difficile che lo scorso anno ha rappresentato una trappola ad imbuto per le quattro monoposto rimaste coinvolte in un incidente, tra cui due Niro ed una Venturi. Altro breve rettilineo sulla carreggiata opposta della Cristoforo Colombo, poi secca curva a destra in Viale Asia, dove fiancheggiamo la Nuvola di Fuksas, prima di una svolta a sinistra che immette nel tratto misto che si snoda verso il vecchio Palazzo dei Congressi. A quel punto ci troviamo nel tratto pi veloce, in discesa, tra Viale dell’Arte e Viale dell’artigianato, dove l’assenza di traffico e la strada a traffico limitato e con i new jersey ci permette di godere della spinta supplementare data dall’attivazione del boost dell’Audi e-tron, un po’ come avviene nelle monoposto di Formula E quando possono godere della spinta supplementare una volta passate nella Activation Zone. La discesa di fa tutta in accelerazione con una prima e leggera curva a destra e poi la pi stretta e pi veloce curva a sinistra alla dine della discesa a quel punto si inizia a frenare lasciando alla propria destra la storica ruota panoramica del parco di divertimenti del LunEur. qu arriva un altra curva secca a sinistra di 90 gradi che ci per entrare nel breve rettilineo di Via delle Tre Fontane, che abbandoniamo dopo un’altra svolta verso anche questa a 90 gradi che ci immette su Viale dell’Agricoltura. Altro tratto veloce, questa volta tutto in salita, dove le monoposto raggiungono circa i 200 Km/h prima di svoltare verso Viale della Civilt del Lavoro. Qu’ al termine della salita si continua a viaggiare in accelerazione c’ un leggero scollinamento nel punto dove la strada diventa piana. Nel punto dove si svolta a sinistra ci si lascia alle proprie spalle il Colosseo Quadrato (Palazzo della Civilt Italiana) ci dirigiamo nuovamente verso la Cristoforo Colombo per affrontare l’ennesima curva ad angolo retto che precede l’ultima variante prima di ricominciare il giro.


Caratteristiche tecniche di Audi e-tron
Il primo modello a zero emissioni firmato di Ingolstadt non si scosta molto, a livello estetico, dal resto della gamma Audi. Le misure indicano un’auto lunga 490 cm, larga 193 e alta 161 caratterizzata nel frontale dalla griglia single frame ottagonale a listelli verticali, in color grigio platino. Altro elemento distintivo sono gli specchietti elettronici a LED, ai quali ci siamo dovuti abituare. Tra i diversi pro di questa innovazione, contribuiscono a migliorare il coefficiente aerodinamico della e-tron da 0,28 a 0,27, con un vantaggio stimato dell’1% di autonomia in pi per ogni ricarica. Audi e-tron equipaggiata con due motori elettrici asincroni, che in normali condizioni di utilizzo garantiscono una potenza complessiva di 360 Cv e 561 Nm di coppia. Lo scatto da 0 a 100 km/h viene coperto in 6,6 secondi, mentre la velocit massima limitata elettronicamente a 200 km/h. Nei sorpassi si pu contare anche sulla modalit Boost, che si attiva ponendo il cambio in posizione “S” e premendo a fondo il pedale dell’acceleratore: la spinta supplementare disponibile per otto secondi, durante i quali il powertrain eroga complessivamente 408 Cv e 664 Nm di coppia e permette di coprire lo sprint da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi. Audi e-tron usa in condizioni normali solo il motore elettrico posteriore, ma ad una richiesta di potenza pi decisa entra in gioco anche il propulsore anteriore. Una trazione integrale elettrica, ma soprattutto predittiva, con il sistema che anticipa le perdite di aderenza e smista la coppia in appena 30 millesimi di secondo. Ci aiuta, in aggiunta all’ottimo bilanciamento 50:50 tra avantreno e retrotreno, a cavarsela anche nelle situazione pi difficili nonostante la massa di 2500 kg. Circa 700 sono dovuti al pacco batterie da 95 kWh e 396 V di tensione, in grado di garantire un’ autonomia superiore a 400 chilometri, misurati secondo il ciclo di marcia WLTP.

Caratteristiche tecniche F.E Audi e-tron FE05
. Le Audi e-tron FE05 guidate dai piloti Lucas di Grassi e Daniel Abt fanno parte, come tutte le altre, della cosiddetta Gen-2 di monoposto elettriche. La lunghezza di 516 cm superiore di 16 rispetto alle monoposto di prima generazione, mentre invariato il passo di 310 cm. La larghezza di 177 cm invece inferiore di un cm rispetto ad un anno fa. In gara, la pi grande novit rispetto alle stagioni passate l’addio al cambio di vettura a met gara, visto il nuovo pacco batterie da 52 kWh 374 kg che consentir alle monoposto di coprire tutta la distanza di gara. Aumentata pure la potenza: da 200 a 250 kw (340 cv) in qualifica e da 180 a 220 kw (270 cv) in configurazione da gara. Tra le novit del campionato 18/19 ci sono pure le “activation zones”: brevi tratti del circuito, fuori dalla traiettoria ideale, dove si ottiene un surplus di potenza fino a 306 CV. La e-tron FE05 pesa il 10% in meno della FE04, ha un motore Audi Schaeffler MGU03 modificato per il 95% rispetto al propulsore della precedente generazione. Accelera da 0 a 100 orari in 2,8 secondi e ha una velocit massima di 280 km/h, 55 in pi rispetto alla “Gen-1”. E’ comparso l’halo ma scompare l’alettone: la deportanza affidata ad un ampio estrattore.

ePrix Roma 2019 informazioni e biglietti
L’area attorno al circuito stata suddivisa in due anelli, uno pi interno ed uno pi esterno. Non consentito l’accesso alla pista per tutto il periodo dal 10 Aprile al 15 Aprile. Dalle 20.30 di Mercoled 10 Aprile fino alle 05.30 di Sabato 13 Aprile vietato il transito veicolare in entrambi gli anelli, mentre consentito a tutti l’ingresso pedonale. Sabato 13 Aprile dalle ore 05.30 alle ore 20.30 permane il divieto di transito veicolare ed consentito a tutti esclusivamente l’accesso pedonale nell’anello pi esterno e soltanto ai possessori di titolo di accesso valido per l’anello pi interno. Venerd 12 previsto l’accesso gratuito al pubblico, che potr osservare da vicino le vetture elettriche, visitare l’E-Village dove troveranno simulatori, auto in esposizione ed altre iniziative per l’intrattenimento. Inoltre, gli appassionati potranno assistere allo shakedown, nel quale i piloti collaudano le vetture in pista. Per coloro che vogliono evitare camminate chilometriche ed estenuanti ricerche di parcheggio, caldamente consigliato di raggiungere il circuito dell’Eur utilizzando la Metro B: Eur Palasport ed Eur Fermi sono le fermate pi vicine al tornantino della Colombo e alla zona dei box, mentre Eur Magliana quella pi vicina al rettilineo di partenza e al tratto veloce di Viale dell’Agricoltura. Si va verso il tutto esaurito, anche per i prezzi abbordabili dei biglietti acquistabili sul sito della FIA o su TicketOne: 60 euro per una tribuna premium (30 per over 60 e tra i 18-24 anni), 1 euro per i bambini da 1 a 5 anni. Per le altre tribune ci vogliono 40 euro (20 per over 60 e tra i 18-24 anni) e sempre 1 euro per i bambini da 1 a 5 anni.

Dal nostro inviato Lorenzo Baroni 

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *