TikTok ed app simili sono terreno di caccia per pedofili e malviventi



Secondo quanto affermato da un gruppo di avvocati specializzati sui diritti dei bambini, applicazioni che permettono di registrare e caricare video come TikTok sarebbero un pericolo per i minori.

Sappiamo che una significativa quantità di bambini viene contattata tramite applicazioni come TikTok, da pedofili e malviventi, dal momento che sono diventate terreno di caccia” ha affermato un portavoce del National Society for the Prevention of Cruelty to Children (NSPCC).

La scoperta è stata effettuata dopo aver intervistato oltre 40.000 alunni. L’NSPCC ha infatti evidenziato che il 25% di questi era stato contattato da uno sconosciuto tramite queste piattaforma. Secondo l’associazione, ad un minore su 20 sarebbe stato chiesto di togliersi i vestiti durante il live streaming o nei commenti di un filmato pubblicato.

TikTok chiede agli utenti di avere almeno tredici anni per utilizzare l’applicazione, ma non ha messo in campo nessun tipo di sistema affinchè questi non possano mentire. Diverse scuole nel Regno Unito hanno già provveduto ad avvisare i genitori dei pericoli portati da tali applicazioni.

Bernardo’s, un’associazione benefica a difesa dei bambini, ha affermato addirittura che sta segnalando lo sfruttamento sessuale online da parte di bambini di otto anni. Oltre a tali comportamenti, su TikTok sono anche stati segnalati contenuti che sponsorizzano contenuti per disordini alimentari ed autolesionismo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *