Si sblocca l’Ecobonus, via libera agli incentivi


Un’automobile elettrica in ricarica. Ansa

Un’automobile elettrica in ricarica. Ansa

Si sbloccano gli ecobonus per l’acquisto di auto elettriche previste dalla legge di Bilancio 2019. Come annunciano il ministero per lo Sviluppo economico (Mise) e il ministero per le Infrastrutture e trasporti (Mit) in una nota, stato registrato alla Corte dei Conti, e sar pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, il decreto del Mise, adottato di concerto con Mit e il ministero dell’Economia e delle Finanze, che rende operativa la procedura di erogazione dell’incentivo. Il sistema, entrato in vigore ufficialmente il 1 marzo, prevede un meccanismo premiante/penalizzante a seconda della quantit di emissioni delle auto nuove. Le categorie produttive e commerciali della filiera dell’auto avevano pi volte sottolineato nei giorni passati il fatto che mentre l’ecotassa era stata da subito attiva, per il bonus non ci fosse ancora il decreto attuativo per l’incasso. L’incentivo, va ricordato, erogabile solo per vetture elettriche e non per le ibride, dati i limiti di emissioni stabiliti. Per le auto la legge di Bilancio ha istituito un fondo triennale di 60 milioni di euro, per le due ruote il fondo di 10 milioni per il solo 2019.

le regole
Ma come funziona il bonus? Va da 1.500 a 6 mila euro per l’acquisto, anche in leasing, e l’immatricolazione di un veicolo con emissioni di Co2 inferiori a 70 g/km e prezzo da listino ufficiale della casa produttrice inferiore a 50 mila euro (Iva esclusa), 61 mila euro circa di listino. L’importo varia a seconda della presenza o meno della contestuale consegna per la rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato alle classi Euro 1, Euro 2, Euro 3 o Euro 4. Il venditore riconosce all’acquirente il contributo sotto forma di sconto sul prezzo di acquisto. Gli incentivi, con importi e modalit differenti sono validi anche per moto, scooter e ciclomotori fino a un massimo di 3 mila euro per veicoli che abbiano una potenza non superiore ai 11 kW con la rottamazione di un veicolo inquinante Euro 0, Euro 1 ed Euro 2.


 Alessandro Conti 

© riproduzione riservata



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *