Salvini a Sky TG24: governo fermato per i troppi no, così Italia muore


“Il governo si è fermato sui no, così l’Italia muore”. Così Matteo Salvini, intervistato a Castel Volturno da Sky TG24, ha spiegato i motivi della crisi dell’esecutivo gialloverde. “La manovra si fa con un governo compatto”, ha ribadito il vicepremier, che ha di nuovo rilanciato la proposta del taglio dei parlamentari: “Lo votiamo anche domani”.

Salvini: servono ministri del si

“Questo governo si è fermato sui troppi no: alla Tav, all’autonomia, alla riforma fiscale, alla riforma della giustizia. Di no l’Italia muore, un governo muore, abbiamo bisogno di si, se qualcuno dice si ragioniamo”, ha spiegato il vicepremier. “Vedo che Renzi dice tutti insieme contro Salvini, non penso che serva un governo contro, siamo seri. O c’è un governo con ministri del si” o “un governo degli sconfitti” non serve. Il ministro dell’Interno a Sky TG24 ha anche ribadito che la mozione di sfiducia a Conte resta.

“Blocco sbarchi: mi aspettavo un grazie”

Il ministro dell’Interno, oggi al centro di un botta e risposta a distanza proprio con il premier Conte sulla vicenda Open Arms, ha parlato anche del tema immigrazione: la volontà di bloccare gli sbarchi dei migranti “non è una ossessione: è una missione, è una professione. Mi aspetterei un ‘grazie’, non una sequela di insulti”, ha detto a Sky TG24.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *