Richard Branson (Virgin Galactic) andrà nello Spazio entro luglio



Richard Branson, il miliardario fondatore di Virgin Group, ha annunciato oggi che volerà nello Spazio entro luglio a bordo della sua navicella spaziale realizzata da Virgin Galactic. L’obiettivo è quello di rendere omaggio al cinquantesimo anniversario dello sbarco dello sbarco sulla Luna.

In particolare, stando anche a quanto riportato dai colleghi di Phys e dell’Economic Times, il miliardario ha dichiarato quanto segue: “Il mio desiderio è di andare nello Spazio durante il 50esimo anniversario dello sbarco sulla Luna, è questo il progetto su cui stiamo lavorando. […] Entro luglio dovremmo aver fatto abbastanza prove. […] Devo però aspettare che la nostra squadra dica di essere felice al 100%. Non voglio spingerli“.

La storica missione Apollo 11 atterrò sulla Luna il 20 luglio 1969 e quindi è probabile che Branson voglia volare lo stesso giorno. Virgin Galactic è attualmente una delle poche aziende, insieme a Blue Origin di Jeff Bezos, ad avere a disposizione la tecnologia necessaria a inviare persone nello Spazio attraverso brevi voli suborbitali, nel contesto del business del turismo spaziale. Una navicella spaziale dell’azienda di Branson, la VSS Unity, ha volato per la prima volta fino a 80 km di altezza, che gli Stati Uniti considerano il confine dello Spazio, lo scorso dicembre.

Vi ricordiamo che Virgin Galactic ha anche già raggiunto diversi accordi necessari per realizzare uno spazioporto in Italia, più precisamente a Grottaglie (Taranto). L’obiettivo è chiaramente quello di far partire voli per lo Spazio anche da lì.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *