registrati i marchi “Social Strand System” e “Strand Game”



Con un aggiornamento automatico pubblicato sui propri canali social, i gestori dell’ente governativo giapponese preposto alla certificazione dei brevetti ci informano che i vertici di Kojima Productions hanno provveduto a registrare due marchi riconducibili alla proprietà intellettuale di Death Stranding.

I nuovi brevetti registrati dal team fondato e diretto da Hideo Kojima si riferiscono ai termini “Social Strand System” e “Strand Game”, due marchi che potrebbero riallacciarsi alle parole pronunciate di recente dall’attore Norman Reedus sulla volontà, da parte di Kojima-san, di realizzare un titolo comprensivo di elementi collegati ai social media.

Dietro al misterioso “sistema sociale” e al “gioco” di Strand potrebbero perciò celarsi le funzionalità multiplayer di Death Stranding: sempre in via puramente ipotetica, possiamo inoltre immaginare lo sviluppo di una companion app “evoluta” che consenta ai suoi fruitori di interfacciarsi direttamente con il mondo di gioco per arricchirlo in maniera costante di contenuti, siano essi rappresentati da missioni secondarie o da semplici frammenti narrativi con cui ampliare il lore del nuovo kolossal sci-fi del papà di Metal Gear.

Nei giorni scorsi, lo stesso Kojima ha provato spiegare i motivi della sua riluttanza a diffondere informazioni su Death Stranding per “alimentare la discussione” tra i suoi fan e contribuire a rendere ancora più spasmodica l’attesa per l’uscita del titolo su PlayStation 4.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *