Panamera, Porsche pensa a una due porte cabriolet – La Gazzetta dello Sport


La berlina sportiva potrebbe essere declinata in una scoperta. Intanto i dati di vendita vanno al di là delle aspettative più rosee

Dieci anni fa, Porsche si lanciava in un nuovo segmento di mercato. Con la Panamera, la Casa automobilistica di vetture sportive nell’aprile del 2009 decise di lanciare la sua prima Gran Turismo. Come, forse, nessun’altro modello fra le auto di lusso oggi sul mercato, la Panamera abbina le prestazioni che ci si aspetterebbe da una vettura sportiva con il lusso e la versatilità di una berlina per una famiglia. Col risultato che se inizialmente la Porsche prevedeva una produzione di 20.000 unità all’anno, la Panamera ha superato da tempo tutte le più rosee aspettative: oltre 235.000 vetture sono state, infatti, le unità consegnate fino ad oggi. Per festeggiare un risultato con pochi precedenti alla Porsche stanno seriamente pensando di inserire nel piano di espansione della propria offerta di prodotti anche delle versioni a due porte della Panamera, un coupé e una cabriolet sulla base di quando già fatto da Bmw con la Serie 8 o da Mercedes con la Classe S.

ipotesi

—  

L’ipotesi che si è materializzata in occasione del Salone di Shanghai dove Porsche ha fatto debuttare in pubblico la nuova Cayenne Coupé potrebbe davvero concretizzarsi già entro il 2020, anche se non ci sono per il momento conferme ufficiali. Se non una dichiarazione di intenti del responsabile dello stile di Porsche, Michael Mauer che non ha escluso il progetto. “Come designer, non ci sono limiti a ciò che si può concepire – ha spiegato Mauer – credo che il ruolo del dipartimento di design sia quello di considerare ogni modello possibile per il futuro, in modo che si possa essere pronti nella eventualità che si volesse intraprendere un nuovo progetto”.

configurazioni

—  

Sempre stando ai “rumors” si ipotizzerebbe una versione “accorciata” della piattaforma dell’attuale Panamera nel caso delle presunte Coupé e Cabrio che potrebbero anche abbandonare l’attuale denominazione di Panamera per adottarne una nuova che sintetizzare meglio il loro nuovo status di “grandtourer”. Quanto ai motori previsti sarebbero di derivazione Panamera compresa una versione di punta rappresentata da un’unità ibrido plug-in.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *