“non merito la mia ricchezza, avrei dovuto pagare più tasse”



Torna a parlare l’ex amministratore delegato e fondatore di Microsoft, Bill Gates, che è stato intervistato dal DailyMail. Il miliardario americano ha senza giri di parole affermato che non merita la sua ricchezza in quanto ha pagato troppe poche tasse.

Gates però ha steso il discorso anche a tutti gli altri magnati della Silicon Valley, che secondo il fondatore di Microsoft sarebbero sottoposti ad una pressione fiscale troppo bassa rispetto ai loro patrimoni. “Ho pagato più di dieci miliardi di Dollari in tasse, ma avrei dovuto pagarne di più. Ho sempre rispettato la legge, ma sono convinto del fatto che le imposte dovrebbero essere più progressive” ha affermato il filantropo sessantatreenne, il quale ha poi continuato che “non merito le mie ricchezze. Nessuno le merita. Sono arrivate attraverso gli anni, con fortuna e grazie alle persone con cui ho lavorato. Mi sono dato da fare e penso che il software che ho creato sia stato un bene per tutti, ma ho anche beneficiato di una struttura che mi ha supportato“.

Il papà di Microsoft ha anche ribadito un concetto espresso in precedenza, ovvero che lascerà solo una parte minima della propria fortuna ai figli, in quanto “non penso che dare i soldi ai miei figli sarebbe un bene per loro o un bene per la società”.

Infine, Gates ha invitato i potenti del mondo ad affrontare le disuguaglianze: “non si può pretendere che le industrie tecnologiche oggi paghino più di quanto impone loro la legge. Se veramente si vuole che versino più tasse, bisogna cambiare le leggi“.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *