Mattarella: “Tensioni nella maggioranza, serve collaborazione”



Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha invitato le forze politiche a “tenere presente che le istituzioni della nostra Repubblica hanno bisogno di un clima di fattiva collaborazione, per decisioni sollecite e tempestive, per un buon andamento della vita nazionale”. Durante il suo discorso alla cerimonia del Ventaglio al Quirinale, il Capo dello Stato ha riconosciuto che “si è conclusa una lunghissima campagna elettorale che ha prodotto divergenze, contrapposizioni e forti tensioni fra le forze politiche e dentro la maggioranza. Altri appuntamenti elettorali si prospettano”. Per questo motivo, Mattarella ha invitato tutti a collaborare.

Il Quirinale “è arbitro che richiama al senso delle istituzioni”

“È superfluo ribadire che il Quirinale non compie scelte politiche che competono alle forze politiche in Parlamento. Il presidente della Repubblica è arbitro, garantire della rete istituzionale”, un arbitro che però non può non “richiamare al senso delle istituzioni” con i suoi “obblighi, limiti e doveri”, ha affermato il presidente Mattarella.

Nessun futuro “fuori dalla Ue”

Nel discorso di Mattarella ha trovato spazio anche l’Ue, nella quale, ha sottolineato il presidente, è di “importanza capitale non essere isolati”. “È stata saggia la scelta di un confronto dialogante e costruttivo con Bruxelles, con l’impegno a tenere i conti in ordine che ha incontrato il favore dei mercati e fatto scendere lo spread”, ha detto Mattarella, rimarcando il fatto che “non c’è futuro fuori” dall’Unione. E ha poi aggiunto: “In occasione delle elezioni per il Parlamento europeo, si è registrato una grande partecipazione. Si apre con quel voto una fase nuova per l’Ue, con una diffusa richiesta di cambiamento, con una visione e un atteggiamento di maggiore solidarietà, specie nei confronti delle giovani generazioni”.

L’indipendenza della magistratura e il rispetto delle sue decisioni

Infine, il Capo dello Stato ha colto l’occasione per parlare della magistratura, protagonista, a volte, di tensioni con la politica. “La magistratura, nella sua storia e nel suo impegno, manifesta di essere pienamente in grado di assicurare rigore e piena imparzialità nelle decisioni. Anche su questa base va riaffermato con decisione che l’indipendenza della magistratura è un elemento basilare della Costituzione e comporta il rispetto delle sue decisioni”, ha detto il presidente Mattarella.


Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *