Marino assolto, Orfini: “Non mi scuso, non era adeguato”


“Non mi scuso con Marino, non era adeguato”. Matteo Orfini, che durante l’era Marino era commissario del Pd di Roma, in un post su Facebook, ribadisce la sua posizione e – il giorno dopo l’assoluzione dell’ex sindaco per la vicenda degli scontrini delle cene di rappresentanza – rivendica il percorso che ha portato alla caduta dal Campidoglio. Era il mese di ottobre del 2015 quando i consiglieri Pd che reggevano la maggioranza in Campidoglio consegnarono in massa dal notaio le dimissioni.

Pressing social per “scuse” dal Pd

Oggi, invece, a 24 ore dalla sentenza della Cassazione che ha assolto l’ex sindaco di Roma – perché il fatto non sussiste nel procedimento legato agli scontrini che rendicontavano spese sostenute con la carta di credito del Campidoglio – al centro della polemica di diversi utenti sui social sono finiti proprio i profili di coloro che vengono considerati da alcuni i registi politici di quell’operazione, Matteo Renzi e Orfini in primis (all’epoca rispettivamente presidente e segretario Dem). “Aspettiamo le scuse a Ignazio Marino”, è il commento più ricorrente sotto agli ultimi post – dedicati ad altri argomenti – dei due leader del Pd. Ma l’ex presidente del Pd ed ex commissario del Pd di Roma, non ci sta.

Raggi governa per disastro amministrativo di Marino

“Alcuni, compreso qualche dirigente del Pd, mi chiedono di scusarmi per la scelta di avere sfiduciato Ignazio Marino –  scrive Orfini su Facebook – . Ovviamente non credo di doverlo fare, perché quella scelta l’ho assunta spiegando fin dal primo momento che non era legata all’inchiesta. Marino non era adeguato a quel ruolo, stava amministrando male Roma, la città era un disastro”. E aggiunge: “Molti obiettano che” la scelta di sfiduciare Ignazio Marino “ha portato la vittoria della Raggi e il disastro attuale. Per carità, ognuno può interpretare a piacimento il nesso di causa-effetto. Dal mio punto di vista, la Raggi l’ha portata il disastro amministrativo prodotto da Marino e una inchiesta – Mafia capitale – che sconvolse la città e il Pd”.

Video in rete

In risposta, diversi utenti in rete fanno circolare un video in cui gli allora consiglieri comunali Virginia Raggi, attuale sindaca, e Marcello De Vito, presidente dell’Assemblea Capitolina in carcere da 20 giorni con l’accusa di corruzione nell’ambito dell’inchiesta sullo stadio dell’As Roma, chiedono la documentazioni relativa agli scontrini agli uffici comunali, altrimenti avrebbero “chiamato i Carabinieri”.

Assolto Marino

Marino, da parte sua, ha appreso la notizia dell’assoluzione mentre si trova in Messico per un convegno medico. Dopo la fine della sua esperienza in Campidoglio, il chirurgo è tornato alla sua professione medica alla Thomas Jefferson University di Filadelfia. Chi lo ha incontrato negli ultimi mesi lo descrive come amareggiato per il modo in cui si è conclusa la sua esperienza in Campidoglio e desideroso di dedicarsi solamente alla professione medica.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *