Lo YouTuber sketchek ritorna dopo aver finto una malattia terminale



Lo YouTuber sketchek, famoso per essere stato uno streamer molto attivo su Team Fortress 2, sembra sia tornato a postare video dopo aver finto una malattia terminale nel 2015. Il ragazzo ha spiegato le ragioni dello scherzo di pessimo gusto sul proprio canale.

Il filmato si intitola “Scusa” in giapponese, ed è accompagnato dalla cover di Midge Ure della canzone di David Bowie, The Man Who Sold the World, una delle due citazioni di Metal Gear Solid che ha utilizzato sketchek, che ha infatto scritto poi su Twitter la frase “Kept you waiting, huh?”, sempre presa dal franchise di Hideo Kojima.

Nell’ultimo video prima della “scomparsa”, che risale al 2015, l’autore diceva di essere molto malato e che la sua salute stesse gradualmente peggiorando. Lo YouTuber ha poi smesso definitivamente di postare.

sketchek ha spiegato: “Circa tre anni fa ho annunciato di aver contratto una non meglio specificata malattia terminale. Voglio che tutti sappiano che si trattava di una bugia. È stato uno scherzo stupido, non sono mai stato malato, nemmeno un po’. Potreste dire che sono malato mentalmente, visto che ho pensato che sarebbe stato divertente convincere un sacco di persone che mi volevano bene che stessi per morire, ma mi sono sentito davvero molto in colpa dopo, e non riesco più a sopportare questo peso. Ecco perché vi rivelo la verità e mi scuso, sono davvero dispiaciuto”.

Continuando a raccontare le sue ragioni, lo streamer ha detto che quando ha preso la decisione di inventarsi la menzogna, era giunto alla conclusione che i videogame stessero rovinando la sua vita, e aveva deciso di chiudere il proprio canale. Dopo un po’ è però tornato a giocare e lentamente ha capito di aver fatto la scelta sbagliata, ed ora ha dichiarato di voler tornare a postare contenuti: “Non mi aspetto che mi perdoniate, quello che ho fatto è praticamente indifendibile. Spero però che continuerete a godervi i miei contenuti, nonostante tutto”.

Che ne pensate della vicenda?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *