L’idea di Volvo di integrazione fra automobile e citt




Senza perdere nulla (anzi) della sua vocazione a costruire vetture sicure, Volvo da tempo sta concentrando l’attenzione sul tema dell’integrazione fra auto e citt, resa possibile dalle moderne tecnologie e dai servizi digitali. E questo spiega il coinvolgimento della casa nel progetto Milano Future City che stato curato dall’architetto-urbanista Andrea Boschetti una delle principali firme del settore nonch direttore scientifico di Innovation Design District.

NUOVA ARMONIA
L’approccio human-centric di Volvo costituisce un evidente parallelo con la ‘citt ospitale’. Milano Future City rappresenta infatti un’importante visione strategica per il futuro del capoluogo con l’obiettivo ultimo di restituire, rinnovati e vivibili, ai cittadini alcuni dei pi importanti assi viari carrabili e ad intenso scorrimento, come corso Buenos Aires. L’obiettivo del progetto ritrovare una nuova armonia tra auto e citt digitalizzando e automatizzando i flussi e le infrastrutture e riportando il verde in citt ovunque possibile. Le soluzioni concrete ipotizzate vanno nella direzione dello sviluppo tecnologico che l’automotive sta esprimendo: mezzi ‘puliti’ per favorire la transizione alla completa mobilit elettrica, sistemi di illuminazione e segnaletica intelligenti in grado di comunicare con tutti i mezzi in scorrimento, pavimentazioni progettati come tappeti tecnologici.

VOLVO VISION
Ma la citt accogliente dovr essere anche sicura e, in tal senso, la Volvo Vision 2020 (che punta all’azzeramento delle vittime per incidente stradale) costituisce una sorta di dichiarato impegno ai fini di una efficace realizzazione del progetto. “Abbiamo e ci teniamo ad avere un rapporto stretto con la citt di Milano – ha affermato Michele Crisci, presidente di Volvo Car Italia – per noi un esempio di urbanismo avanzato e per questo abbiamo realizzato proprio qui il primo Volvo Studio, un progetto innovativo che parla di mobilit sostenibile. Gli incontri che abbiamo ospitato sinora hanno sottolineato la necessit di cooperazione fra auto e ambiente urbano come esempio di pensiero avanzato per un futuro sostenibile; ora dobbiamo mostrare nella pratica come questo possa avvenire’’.

 Maurizio Bertera 

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *