l’auto d’epoca si ribalta, ferito l’80enne


La sicurezza attiva ormai sempre pi diffusa sulle auto di nuova generazione. Auto che frenano da sole, che mantengono la corsia, che controllano gli angoli morti e che mantengono la velocit costante. Una conquista dei decenni precedenti invece la sicurezza passiva, che comprende zona a deformazione controllata della carrozzeria per l’assorbimento degli urti, pretensionatori delle cinture, sterzi collassabili e decine di air-bag nei vari punti dell’auto. Fino agli anni ‘90 invece tali soluzioni erano el tutto assenti e sconosciute e gli automobilisti erano enormemente pi esposti in caso di incidente. Ne sa qualcosa un anziano originario della provincia di Teramo, che rimasto coinvolto in un incidente avvenuto all’altezza del territorio comunale di Pescare, sulla circonvallazione che collega Montesilvano a Francavilla al Mare. L’80enne era alla guida della sua automobile d’epoca, una Fiat Balilla del 1935, quando all’improvviso stato tamponato da un autocarro. L’urto, piuttosto violento, ha avuto come conseguenza il ribaltamento della vettura: l’automobilista, tuttavia, non apparso fortunatamente in gravi condizioni. Trasportato al pronto soccorso, i medici hanno giudicato guaribili in circa 40 giorni le ferite riportate. La polizia stradale di Pescara si poi messa al lavoro per effettuare i rilievi e per stabilire le eventuali responsabilit del conducente 42enne del veicolo pesante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *