la SEC cita Elon Musk in giudizio per un tweet



La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, sostiene che l’amministratore di Tesla e SpaceX Elon Musk abbia violato l’accordo firmato lo scorso anno inviando un tweet non approvato contenente delle informazioni e che ha avuto un impatto sul titolo della compagnia.

Il tweet in questione è quello di inizio mese, in cui il CEO affermava che “Tesla ha realizzato zero auto nel 2011, ma ne produrrà 500 mila nel 2019“. Il messaggio ha seguito la pubblicazione dei dati finanziari del quarto trimestre del 2019, diffusi agli investitori a fine gennaio, in cui si stimavano consegne di auto elettriche tra 360 mila e 400 mila unità nel 2019.

Poche ore dopo la sua pubblicazione, Musk ha risposto al tweet affermando che allo stato attuale, la sua compagnia è in grado di produrre 10 mila automobili elettriche a settimana, e che le consegne sono ancora stimate a circa 400 mila per tutto l’anno.

In un documento legale presentato lo scorso 19 Febbraio presso il Southern District di New York, la SEC afferma che “Musk non ha richiesto o ricevuto la pre-approvazione prima di pubblicare questo tweet, che era inaccurato ed ha raggiunto oltre 24 milioni di persone“. Secondo i legali, quindi, Musk avrebbe violato l’accordo di Settembre 2018 in cui si è impegnato a far pre-approvare i tweet come questi prima di pubblicarli. La decisione del giudice è attesa nei prossimi giorni, ma nel frattempo nè Musk, tanto meno Tesla hanno risposto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *