Intesa su manovra non compatta la maggioranza, ancora sfida Pd-Iv













Dopo la difficile intesa sulla manovra, raggiunta venerdì in un vertice fiume a Palazzo Chigi, la maggioranza è tutt’altro che compatta. Va avanti, in particolare, la sfida Pd-Iv. Matteo Renzi rivendica la vittoria nella “battaglia delle tasse” e lancia la sfida a gennaio sulla crescita. Ma il premier Giuseppe Conte e Nicola Zingaretti lo stoppano. “Abbiamo vinto tutti”, dice il primo. “Ha vinto l’Italia”, avverte il secondo. Un botta e risposta che la dice lunga sul clima nella maggioranza alla vigilia di due settimane nelle quali, oltre al voto sulla manovra, gli alleati di governo saranno chiamati a decidere (mercoledì) sul Mes e a disinnescare lo scontro sulla prescrizione prima dell’entrata in vigore (il primo gennaio) della riforma. Il M5S, intanto, resta alle prese con i dissensi su Luigi Di Maio e si presenta diviso al voto sul Mes. Da lunedì in commissione al Senato si voterà a tappe forzate la manovra con l’obiettivo di arrivare giovedì in Aula. La blindatura del testo alla Camera scongiurerà di riaprire le tensioni, chiuse dopo il vertice fiume.







































Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *