Guida autonoma, “l’automobile” di Leonardo da Vinci


La prima “automobile” – cio un veicolo capace di muoversi da solo senza sistemi di propulsione esterna, come la spinta o il traino di animali o uomini – stata concepita e progettata esattamente 541 anni fa. Lo si scopre esaminando, come avvenuto per tanti altri oggetti dell’era moderna, il famoso Codice Atlantico di Leonardo da Vinci, di cui il 2 maggio si celebrano i 500 anni dalla scomparsa. Al foglio f. 812r (ex 296va) di questa colossale opera che stata il lascito di Leonardo a generazioni di studiosi, si scoprono infatti i disegni di quella che Gerolamo Calvi (uno dei maggiori studiosi del genio toscano), gi nel 1936, battezz la “Fiat di Leonardo”. Va detto che l’eclettico scienziato e artista non aveva certo immaginato un carro che potesse trasportare merci o persone su strada, ma faceva parte di quella feconda produzione di invenzioni destinate ad intrattenere gli ospiti delle grandi feste organizzate alla Corte dei grandi del tempo e in particolare dei Medici, dove Leonardo lavor per Lorenzo il Magnifico.

come fatta
Dagli studi e dai disegni costruttivi dell’ingegner Giovanni Canestrini – celebre giornalista e pilota, tra i fondatori della 1000 Miglia – deriva il primo modello di questa “automobile” che nel 1939 venne esposto alla “Mostra di Leonardo da Vinci e delle Invenzioni Italiane”. Canestrini, come gli altri studiosi che lo avevano preceduto, era partito dal foglio f. 812r, databile intorno al 1478, che presenta due vedute dell’invenzione: nella parte superiore del foglio i dispositivi meccanici sul lato sinistro del carro e una terza ruota, con sterzo a timone. Nella parte inferiore Leonardo visualizza in maggiore dettaglio i meccanismi ma assente lo sterzo a timone, sostituito da un complesso dispositivo con tiranteria e asta a cremagliera (come si nota negli schizzi sul disegno).


ricostruzione
Lavorando su questa base e dai risultati della ricerca di Carlo Pedretti (1975 e 1996) e M. Rosheim (2001) l’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze e lo Studioddm di Milano in tempi pi recenti hanno potuto realizzare, sfruttando tecnologie informatiche di modellazione 3D, un modello funzionante della cosiddetta “automobile” di Leonardo. Come si legge nel sito che l’IMSS di Firenze dedica a questo veicolo, meglio definito come “carro semovente”, l’approccio computerizzato ha portato dalla definizione di elementi fondamentali – come il passo della dentatura degli ingranaggi, i diametri delle ruote, i sistemi meccanici e le loro linee di azione, i sistemi di trasmissione e di regolazione del moto – fino ad arrivare alla costruzione di un modello digitale interattivo, che si pu osservare in un video dell’IMSS. Una ulteriore fase ha comportato la costruzione di tre modelli da parte dell’Opera Laboratori Fiorentini, uno dei quali di notevoli dimensioni, mentre sulla base dei disegni tecnici esecutivi stato possibile affinare il progetto interattivo, secondo una modalit – precisa l’IMSS – “che rende comprensibile anche al pubblico non specialistico la complessa struttura del carro di Leonardo” ed osservare i meccanismi compiono i loro cicli, le ruote che girano e i motori che scaricano la forza delle molle motrici. La ricostruzione del carro semovente esposta all’Istituto e Museo di Storia della Scienza in piazza dei Giudici, 1, a Firenze.

 Gasport 

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *