Grillo su scissione nel Pd: è una “Renzata”. E attacca anche Salvini


“I Mattei (Salvini e Renzi, ndr) sono passati entrambi alla minchiata d’impulso”. Beppe Grillo, fondatore del M5S, commenta la situazione politica con un post sul suo blog intitolato “Lettera aperta ai parlamentari renziani”. In particolare, dopo l’uscita di Renzi dal Pd, mette in guardia l’ex premier dal rischio di “svegliarci tutti con Pontida capitale”. Se la prende anche con l’altro Matteo, Salvini, che chiama “il fuggiasco”. “Rispetto chiunque non la pensa come me, do un abbraccio a tutti, senza polemica. Grillo invece continua a insultarmi e mi sento quello di sempre”, è la replica di Renzi a Porta a Porta.

Grillo: “Grave rischio di svegliarci tutti con Pontida capitale”

Secondo Grillo, quella dell’ex sindaco di Firenze è una “Renzata”. Riferendosi alla scissione dal Partito democratico, il comico scrive che “Matteo Secondo, fra una manata di pop corn e l’altra, è scomparso dalla top ten dei politici più graditi” e “così annuncia improvvisamente di fare una Renzata”. “Renzi è un animale politico di livello, si accorge di come vanno le cose velocemente”, aggiunge Grillo. E ancora: “Sa che ogni minuto di assenza dalle scene, in queste settimane, corrisponde ad un oblio di mesi e si sente improvvisamente tornare su i popcorn! È addirittura in piena indigestione da popcorn: ha capito che l’abbuffata di guardonismo politico lo potrebbe annientare dalle scene! Così minaccia il Paese di far cessare lo scontro fra i due veri ercoli del gradimento (Conte e Salvini, ndr) con il grave rischio, per il nostro Paese, di svegliarci tutti con Pontida capitale”.

Su Salvini: “Cercherà di trasformare ogni valle del Paese in una piccola Pontida”

Grillo non risparmia Salvini. “L’ex ministro degli Interni, d’ora in poi “il fuggiasco”, è nel pieno di una escalation di bambini abbracciati e santini, circondato da una variabilmente temibile armata di nervosissimi compatrioti”, scrive. E aggiunge: “Il fuggiasco, per via del fatto che non è più aviotrasportato dal ministero degli Interni, deve crescere i toni ed accelerare l’arroventamento degli animi di tutto lo scontento possibile. Cercherà di trasformare ogni valle del Paese in una piccola Pontida! Non gli basteranno tutti i primogeniti d’Italia per le sue celebrazioni deliranti”.

“Paese è instabile e pieno di rancori, non è il momento di dare seguito a narcisismi”

Infine, Grillo conclude: “Di solito, prima di fare qualcosa di importante si è presi dai dubbi, si valutano i pro ed i contro, si possono vivere anche giorni di tormento interiore, poi ci si esaspera e si fa una minchiata d’impulso! I Mattei sono passati entrambi alla minchiata d’impulso, il Paese è instabile e pieno di rancori, non è il momento di dare seguito a dei narcisismi”.





Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *