Google Assistant debutta agli Oscar con uno spot ispirato a vari film storici



La scorsa notte si è tenuta la cerimonia di premiazione degli Oscar 2019, ma durante la nottata è stato dato spazio anche alla tecnologia.

Nel bel mezzo della serata infatti è stato mandato in onda uno spot con protagonista Google Assistant, l’assistente personale del motore di ricerca che, di fatto, ha fatto il suo debutto agli Academy Award.

Nello spot, che vi proponiamo in apertura, Google Assistant interviene per aiutare Hal 9000, il Supercomputer di bordo della navicella spaziale Discovery di 2001: Odissea nello Spazio, ma aiuta anche Marion Crane in Bates Motel. In uno spezzone ispirato a Scream vediamo Drew Barrymore utilizzare la telecamera di Nest, mentre Lyft viene usato in Larry Bird. Nello spot sono anche presenti delle scene provenienti da Una Notte da Leoni.

Occorre però precisare che per Assistant non si tratta di una prima assoluta nel mondo cinematografico: tutti infatti ricorderanno la comparsata in Mamma Ho Perso L’Aereo, prima in occasione di uno spot natalizio, e poi in un remake con protagonista Joe Pesci, che nella leggendaria pellicola interpretava uno dei due ladri che venivano messi a dura prova dal piccolo Kevin McAllister.

Google continua a pubblicizzare massicciamente il proprio assistente personale, su cui intende puntare massicciamente anche nel corso del prossimo anno, difendendosi dagli attacchi di concorrenti come Siri ed Alexa. Fateci sapere cosa ne pensate dello spot.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *