Forza Italia, accuse a Mara Carfagna: “Candidatura golpe a Berlusconi”


C’è tensione all’interno di Forza Italia sulla presentazione delle liste per le elezioni europee (TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLE ELEZIONI – I SONDAGGI – FOTO). A poco più di un mese dal voto, la polemica coinvolge la candidatura di Mara Carfagna nella circoscrizione sud. Su invito dei deputati meridionali Roberto Occhiuto e Paolo Russo, la vicepresidente della Camera si è detta disponibile a presentarsi. Una eventualità che ha però provocato la dura reazione dei vertici del partito convinti che tale decisione sia un golpe contro il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi.

Carfagna: “Decide il partito”

“Questa candidatura rappresenta un blitz per tentare di rottamare Silvio Berlusconi e sfilargli il partito quando le liste sono state già compilate”, afferma un big di Forza Italia. Pacata ma ferma la replica dell’ex ministro, secondo cui “chi parla di golpe, invece di rispondere nel merito, vuole solo alzare polvere. È una semplice disponibilità, poi è il partito che decide. Non c’è nessun caso, si tratta di una normale richiesta dei territori che vogliono fare questa campagna al meglio, come sempre succede alla vigilia delle liste”.

Brunetta: “Golpe? Fake news”. Polverini: “È coraggiosa”

Immediate le repliche di altri esponenti di Forza Italia: “La disponibilità alla candidatura di Mara Carfagna rappresenta un golpe contro il partito e contro Berlusconi? A dirlo è un ‘big azzurro’. È certamente una divertente fake news. Se è un big non può essere anonimo, se è anonimo non può essere un big. Delle due, l’una. La partita è chiusa”, ha scritto Renato Brunetta su Twitter. L’eventuale candidatura di Mara alle elezioni europee è l’ennesimo atto di coraggio di chi non si è mai tirata indietro di fronte alla possibilità di aiutare il partito e che, in tutte le circostanze e incarichi ricoperti nelle istituzioni, ha saputo rappresentare con intelligenza e abnegazione Forza Italia”, ha invece detto in una nota la deputata di Forza Italia Renata Polverini. “Chi parla, dietro garanzia di anonimato, di ‘golpe’ non ha visione e dignità politica”, ha ribadito. Polemiche, quelle su Mara Carfagna, successive anche alle sue parole rilasciate ieri, 16 aprile, a La Stampa nelle quali aveva chiarito che Matteo Salvini “non sarà il leader del centrodestra”. Ha parlato anche di Giovanni Toti: “La sua scissione l’ha già consumata…”.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *