Facebook, la Commissione Europea non esclude un dossier sulla raccolta dati



Non è certo cominciato sotto una buona luce il 2019 di Facebook. Quest’oggi rimbalzano da Bruxelles le dichiarazioni di Margrethe Vestager, il commissario europeo per la concorrenza famosa per la multa da record nei confronti di Google.

La Vestager ha infatti messo in guardia Facebook e non ha escluso la possibile apertura di un fascicolo per fare lumi sulla raccolta dati da parte del social network.

Al momento non c’è alcun dossier, ma a giudicare dalle dichiarazioni arrivate non è esclusa un’apertura nel corso delle prossime settimane o mesi. Durante un’audizione al Parlamento Europeo, il Commissario ha infatti affermato che l’Unione Europea ha “alcune preoccupazioni. Per adesso non abbiamo alcun caso aperto. Ma ciò non preclude una possibile apertura in futuro. Stiamo osservando i dati da vicino“.

Non è la prima volta che la Commissione affronta lo spinoso tema di Facebook e della privacy. In passato alcuni esponenti avevano affermato che il social network di Menlo Park potrebbe gestire meglio il tutto, ed ha intimato le autorità preposte alla tutela della privacy a sorvegliare il tutto.

Facebook proprio in queste settimane sta chiudendo un importante accordo con l’antitrust americano, che potrebbe portare alla multa più salata mai emessa dall’ente governativo, ma sullo sfondo si sta aprendo un altro fronte.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *