Ex Ilva, Conte: “ArcelorMittal disponibile a un nuovo piano”


“Si è appena concluso l’incontro. I signori Mittal, durante questo ampio confronto si sono resi disponibili ad avviare immediatamente una interlocuzione volta a definire un percorso condiviso a Taranto”. Sono queste le prime parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in sala stampa a Palazzo Chigi, dopo l’incontro con i vertici ArcelorMittal. Un incontro durato più di quattro ore e al quale hanno partecipato, oltre al premier, i ministri dell’Economia e dello Sviluppo economico, Roberto Gualtieri e Stefano Patuanelli, e Lakshmi e Aditya Mittal, rispettivamente ceo e presidente e cfo del gruppo AncelorMittal. Presente anche Lucia Morselli, ad di AncelorMittal Italia. 

Un nuovo piano industriale

“L’obiettivo di questo percorso – ha aggiunto Conte –  è arrivare a un nuovo piano industriale che assicuri il massimo impegno nel risanamento ambientale. Sono stato molto chiaro con loro, a questo punto ci vuole un piano di transizione anche energetica. E’ stata anche valutata l’ipotesi di un coinvolgimento pubblico”.
 








Il vertice a Palazzo Chigi

Sarà una lunga negoziazione

Conte, dopo l’incontro, spiega di aver preso atto che c’è oggi da parte dell’azienda una “mutata disponibilità”, che c’è stata una “grande apertura”. Pur precisando: “Fermo restando che non abbiamo incassato nessun risultato”. Si apre, sottolinea, una “negoziazione che sarà faticosa, lunga, complicata, con tanti risvolti tecnici, economici, giuridici”.

I pm: “Ecco il vero motivo della disdetta”

Secondo la Procura di Milano “la vera causa della disdetta” del contratto d’affitto dell’ex Ilva da parte di ArcelorMittal è “riconducibile alla crisi di impresa” della multinazionale franco-indiana ed alla conseguente volontà di disimpegno dell’imprenditore estero e non è invece il “venir meno del così detto scudo ambientale abrogato” utilizzato come motivo “pretestuosamente” (COS’È LO SCUDO PENALE). È quanto si legge nell’atto che i pm milanesi hanno depositato intervenendo nella causa civile fra il gruppo franco indiano e i commissari del polo siderurgico con base a Taranto: un procedimento d’urgenza con cui i commissari della società chiedono di evitare la cessazione delle attività, bloccando la richiesta di recesso del contratto di affitto






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *