Elon Musk dice la sua sui bitcoin e sul futuro dei soldi cartacei



Nel corso di una intervista per il podcast di ARK Invest, un fondo di investimento, Elon Musk ha parlato anche di criptovalute, e in particolare dei bitcoin. “Vuoi parlare delle criptovalute, seriamente?”, ha risposto un incredulo Musk in un primo momento. È finita che hanno parlato anche della possibilità di creare dei “Tesla Coin”.

Poi come racconta Futurism.com Musk si è ricomposto, ed ha deciso di elaborare il suo pensiero sulle criptovalute e sul futuro della carta stampata “fiat”. “La struttura del Bitcoin è piuttosto brillante”, ha detto. “Forse andrebbe riconosciuto del merito (anche) ad Ethereum, e forse ad altri ancora“.

Là fuori ci sono 1.3 triliardi di dollari in transazioni bitcoin, ma non li vediamo perché non sono usati per la pizza o per la Coca Cola“. “Anzi, forse per la Coca sì“, ha aggiunto ironizzando sull’ambiguità del termine.

Cathie Wood, CEO di ARK Invest, ha poi ha preso la parola, raccontando dell’incisività del Bitcoin nel rendere più semplici le transazioni internazionali: “In Africa cambiare la valuta di una nazione in quella di un’altra ha costi proibitivi. È molto importante. (…) È invio di soldi in modo gratuito, questo è davvero importante per aprire il mondo“.

Bypassa completamente il controllo della valuta“, ha risposto Elon Musk. “I soldi cartacei sono destinati ad andarsene, quello che è certo è che le criptovalute sono un modo molto migliore per trasferire valore rispetto a dei pezzi di carta“.

Quanto ad una possibile “Tesla Coin“, una criptovaluta creata da una delle aziende di Musk? “Non credo che sarebbe un buon modo per impiegare le risorse di Tesla in questo momento“, ha tagliato corto il CEO dell’azienda.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *