dal 2022 sistemi di assistenza alla guida obbligatori


Una buona notizia per chi viaggia sulle strade europee: i sistemi di assistenza alla guida (noti anche come Adas, ovvero advanced driver assistance systems) diventeranno obbligatori a partire dal 2022. la sostanza dell’accordo raggiunto a Bruxelles, secondo cui tutti i nuovi veicoli dovranno offrire, di serie, funzionalit come la frenata automatica di emergenza o il mantenimento della corsia. ovviamente il primo passo perch l’intesa – prima di essere sottoposta al giudizio del Parlamento e del Consiglio dei ministri, a questo punto dopo le imminenti elezioni – verr esaminata dai responsabili di ogni Paese. Ma un segnale importante, probabilmente decisivo.

I sistemi saranno obbligatori sulle auto di nuova omologazione a partire dal 2022

I sistemi saranno obbligatori sulle auto di nuova omologazione a partire dal 2022


UNA TRENTINA DI SISTEMI

Il nuovo regolamento, la cui stesura iniziale risale al 2017, prevede l’introduzione di una trentina di dotazioni tra sistemi tecnologici e caratteristiche tecniche, pensate per salvaguardare la sicurezza dei guidatori e dei passeggeri: la maggior parte di questi requisiti dovr essere soddisfatta da tutti i modelli di nuova omologazione che verranno introdotti sul mercato a partire dal maggio del 2022. Per le vetture gi in commercio e che quelle che saranno omologate prima della scadenza, le nuove dotazioni diventeranno obbligatorie a partire dal maggio del 2024.


TUTTO DI SERIE
Quindi dal 2024 tutte le auto (quelle di nuova omologazione gi dal 2022) dovranno montare di serie dotazioni di sicurezza come la frenata autonoma d’emergenza, la regolazione intelligente della velocit, il mantenimento attivo della corsia di marcia, la predisposizione per l’installazione dei rilevatori del tasso alcolemico del guidatore, dei sistemi di rilevamento della stanchezza e della distrazione del guidatore. Inoltre una scatola nera con data recorder, un segnale per le fermate d’emergenza e una videocamera di retromarcia. Non mancheranno, infine, nuove cinture anteriori, un sistema di protezione per gli impatti laterali, e zone pi ampie del cofano e del parabrezza pensate per ridurre le conseguenze di un impatto con pedoni e ciclisti.

Telecamera posteriore e sensori di prossimit

Telecamera posteriore e sensori di prossimit

CAMBIANO I CRASH TEST
Le nuove regole imporranno dei miglioramenti a livello di sicurezza passiva per tutti i nuovi veicoli che verranno sottoposti a nuove tipologie di crash test, anteriori e laterali. Anche le richieste per l’omologazione dei pneumatici saranno riviste, fino a comprendere collaudi di coperture usurate, mentre i parabrezza dovranno avere delle specifiche che consentiranno di attenuare la gravit delle lesioni in caso di incidenti con pedoni o ciclisti. Oltre a ci, i mezzi di grandi dimensioni come camion e bus dovranno essere progettati per garantire una maggiore visibilit e includere sistemi di controllo degli angoli ciechi o di avviso di collisione.

 Maurizio Bertera 

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *