crisi Knicks, per l’allenatore è tutta colpa del battle royale Epic Games



I New York Knicks sono in crisi e stanno andando maluccio: secondo il loro allenatore, la causa principale della debacle del team non sono gli infortuni o dissapori interni al gruppo. Sarebbe Fortnite.

David Fizdale, infatti, ha dato tutta la colpa al battle royale di Epic. I Knicks nella Eastern Conference possono vantare un record negativo di 11-47, una percentuale di vittorie del 0,190 %.

Fortnite è il mio avversario principale in questo momento“, ha detto Fizdale “Fortnite è più duro da battere dei Boston Celtics“. Il coach crede che i suoi giocatori stiano svegli fino a tarda notte per giocare a Fortnite, il che sta danneggiando il loro corretto bioritmo, riducendo i loro tempi di reazione e in definitiva influenzando le loro prestazioni come atleti.

Kevin Knox e il rookie Mitchell Robinson hanno confessato che, effettivamente, sono stati dipendenti dal gioco ma si sono disintossicati.

Fizdale, dal canto suo, non ha detto che i suoi giocatori dovrebbero smettere completamente di giocare a Fortnite. Anzi, al contrario, vorrebbe provarlo anche lui, per poter fare ancora più gruppo con i propri giocatori.

Tuttavia, ciò a cui il coach punta è far si che i giocatori si assumano la responsabilità di assicurarsi che le loro sessioni di gioco non influenzino le prestazioni in allenamento e, soprattutto, i match.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *