Conte: “Non mi sento commissariato da Salvini”


“Commissariato da chi? Salvini ha sempre fatto parte delle forze del mio governo. Perché dovrei sentirmi commissariato?”. A due giorni dalle elezioni europee il premier Giuseppe Conte commenta il ruolo del leader leghista nell’esecutivo, dopo il trionfo della Lega e il netto calo del M5s  (LO SPECIALE – I RISULTATI – LE REAZIONI – I CANDIDATI ELETTI). E lo fa arrivando al vertice europeo dei capi di Stato e di governo che si tiene questa sera a Bruxelles. Immediata la replica del leader leghista: “Non mi permetto di commissariare nessuno. Conte ha la mia piena fiducia, non ho ambizioni, l’unica condizione è mantenere gli impegni”. Queste parole arrivano dopo che oggi, in risposta alla possibile lettera della Commissione Europea indirizzata al governo italiano, lo stesso Salvini ha avvertito: “Se ci chiedono di aumentare le tasse la risposta è no”.

Conte: “Dobbiamo rilanciare l’azione di governo”

Conte arrivando a Bruxelles ha sottolienato che ora “c’è l’azione di governo” da rilanciare. Mentre sulla proposta di Salvini per una flat tax da 30 miliardi, ha tagliato: “Non abbiamo ancora iniziato a discutere della manovra economica”. Lo sguardo del premier è però rivolto anche alla partita sul dossier delle nomine europee, su cui è fiducioso: “Abbiamo chance perché l’Italia abbia il ruolo che si merita”(LA MAPPA DEL VOTO IN EUROPA). Sempre sul fronte europeo, a chi poi gli chiede se sarebbe d’accordo nel rivedere il mandato della Bce, risponde: “Ci sono tanti dossier aperti, uno è anche quello: abbiamo tanto da lavorare”.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *