Consultazioni governo, il discorso di Mattarella: “Nuove consultazioni da martedì”



“Svolgerò nuove consultazioni che inizieranno nella giornata di martedì prossimo per trarre le conclusioni e assumere le decisioni necessarie”. Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al termine delle consultazioni al Quirinale. “Il ricorso agli elettori è necessario se il Parlamento non è in grado di esprimere una maggioranza di governo – ha aggiunto il capo dello Stato -. Mi è stato comunicato che sono state avviate iniziative tra partiti. Ho il dovere di richiedere decisioni sollecite”. (LE CONSULTAZIONI: LIVE – COSA È SUCCESSO IL PRIMO GIORNO – LA TRATTATIVA TRA M5S E PD – LE CONDIZIONI DEL PD)

“Crisi va risolta in tempi brevi”

“Con le dimissione di Conte, che ringrazio con i ministri, s’è aperta la crisi con una rottura polemica tra i due partiti. La crisi va risolta in tempi brevi come richiede un grande Paese come il nostro”, ha detto Mattarella introducendo il suo breve discorso. Poi ha puntualizzato: “Sono possibili solo governi che ottengono la fiducia del Parlamento con accordi dei gruppi su un programma per governare il Paese, in mancanza di queste condizioni la strada è quella delle elezioni”.

“Ho il dovere di non precludere la volontà del Parlamento”

“Il Presidente della Repubblica – ha spiegato Mattarella – ha il dovere, ineludibile, di non precludere l’espressione di volontà maggioritaria del Parlamento, così come è avvenuto, del resto, anche un anno addietro, per la nascita del governo che si è appena dimesso. Al contempo ho il dovere di richiedere nell’interesse del Paese decisioni sollecite”.





Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *