Claudia Bugno resta consigliera di Tria e rinuncia a Stm



Claudia Bugno resterà consigliere nello staff di Giovanni Tria. Lo precisano fonti del Mef dopo l’annuncio del ritiro della disponibilità della consulente del Ministro dell’Economia ad assumere l’incarico nel board di Stmicroelectronics, per cui era stata nominata nei giorni scorsi. Si sommano i problemi a via xx settembre. Il casus belli è legato alla manager perché il figliastro di Tria è stato assunto nell’ottobre scorso dalla Tinexta spa, azienda il cui amministratore delegato, Pier Andrea Chevallard, è compagno della Bugno. Si apre un nuovo caso nella maggioranza di governo, tanto delicato da mettere a rischio il destino politico di Giovanni Tria.

Ma il passo indietro di Claudia Bugno sembra non soddisfare il M5S. La ‘mediazione’ raggiunta sul caso non sembra bastare ai pentastellati, ma sembra andare nella direzione delle richieste avanzate da Giuseppe Conte al responsabile di via XX Settembre. Due le condizioni dettate dal vicepremier: il passo indietro su Stm e l’assicurazione che la Bugno non si occupi più di partecipate, condizione sine qua non per restare nello staff del ministro.


Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *