Berlusconi: Abbiamo legittimato Lega e fascisti, non vincono senza FI


“Lega e fascisti li abbiamo fatti entrare noi al governo, li abbiamo legittimati noi, li abbiamo costituzionalizzati noi. Siamo ancora nel centrodestra, di cui siamo il cuore, il cervello e la spina dorsale”. A dirlo è Silvio Berlusconi (FOTOSTORIA), dal palco del Teatro Manzoni a un convegno di Forza Italia sulle pensioni, che poi attacca il M5s: “Hanno fatto scioperare anche i loro figli da scuola”.

“Se non avessero noi in coalizione sarebbero una destra estremista”

Il leader di Forza Italia, parlando della coalizione di centrodestra e della Lega, aggiunge: “Siamo obbligati a stare nel centrodestra, se loro non avessero noi in coalizione non sarebbero centrodestra, sarebbero una destra estremista, non avrebbero la capacità di vincere e sicuramente sarebbero incapaci di governare”. E ricorda che “il centrodestra lo abbiamo inventato noi, nel ’94 noi scendemmo in campo con la destra, con la Lega e i fascisti, che il pentapartito aveva tenuto fuori dall’arco costituzionale”. “Abbiamo superato intemperanze, provocazioni e dichiarazioni antipatiche quasi giornaliere per il bene del Paese – continua il leader di FI – Il centrodestra deve esistere per il bene del Paese. Ma siamo distinti, non siamo populisti, non siamo sovranisti, non siamo arroganti, non siamo incolti, abbiamo studiato e lavorato, noi in Italia siamo i continuatori, i garanti della tradizione occidentale, liberale, democratica, cristiana, garantista. Noi in Italia siamo gli unici ad avere scolpiti nella mente e il cuore i principi democratici dell’Occidente”.

“Il M5s fa scioperare i loro figli da scuola”

Poi, in riferimento alle manifestazioni studentesche di ieri contro i cambiamenti climatici, l’affondo al M5s: “Noi siamo il partito del lavoro e loro quelli degli scioperi. Ora hanno fatto scioperare anche i loro figli da scuola, ma tanto i loro figli, e parlo dei 5 Stelle, a scuola non vanno. Il Pd invece li manda anche all’università, l’università delle Frattocchie”.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *