Bandersnatch, Netflix registra tutte le scelte degli utenti



Black Mirrot: Bandersnatch, il film interattivo ispirato alla serie Black Mirror, è stato il fenomeno di fine anno per la piattaforma di streaming Netflix, nonchè un’apprezzata novità da parte degli utenti, grazie all’interattività e la possibilità di controllare il protagonista.

Secondo quanto riferito da alcuni ricercatori, Netflix terrebbe traccia di tutte le scelte prese dagli utenti durante l’esperienza di visione. La scoperta è stata effettuata da Michael Veale dopo aver inviato una mail a Netflix in cui richiedeva i dati secondo le regole previste dalla normativa GDPR. MotherBoard riferisce che l’obiettivo di Veale era quello di usare l’esperimento per educare le persone su come utilizzare la legge per richiedere i dati ed incoraggiare le aziende a renderli più facilmente disponibili.

Il ricercatore, pur non essendo sorpreso dalla scoperta, pone l’accento sul fatto che il servizio di streaming non richiede mai il permesso di memorizzare le scelte degli utenti durante Bandersnatch. Netflix, in risposta, ha affermato che memorizza i dati per “migliorare i consigli di contenuti” e per aiutarli a “capire come migliorare il modello di storytelling di Bandersnatch“.

Non è la prima volta che esperienze interattive come Bandersnatch hanno memorizzato i dati degli utenti: Telltale ha più volte specificato durante il videogioco ispirato a The Walking Dead che il titolo teneva traccia delle tracce, ecco perchè il film di Black Mirror è destinato a far discutere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *