Autonomia, il ministro Fioramonti: “Nella scuola non si fa”


Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti chiude all’autonomia anche nella scuola: “Non si fa”, ha detto. Il ministro chiude quindi all’ipotesi di regionalizzazione del sistema di istruzione nazionale nell’ambito del progetto di realizzazione dell’autonomia differenziata, che consente alle regioni a statuto ordinario di negoziare particolari e specifiche condizioni di autonomia.

Giustificazioni per sciopero sul clima, “senza proteste parleremmo di calcio”

Fioramonti è tornato poi sul suo invito a giustificare le assenze egli studenti che partecipano allo sciopero sul clima per la giornata del 27 settembre: “La circolare che ho fatto invita le scuole ad accettare la motivazione ‘ha partecipato allo sciopero per il clima’”, spiega il ministro, sottolineando che “la giustificazione va fatta comunque. L’iniziativa ha un valore simbolico: vogliamo dare centralità al diritto degli studenti di svegliare le coscienze. Senza queste iniziative probabilmente parleremo dell’ultima partita di calcio”.

Tassa sulle merendine, “il Mef trovi i fondi”

Quanto alla discussa tassa sulle merendine per aumentare lo stipendio ai docenti e finanziare scuola e università, Fioramonti ha affermato: “Mi sono permesso di proporre un modo per recepire fondi, rispetto i percorsi del governo” ma “a me interessa che si trovino le risorse. Ho proposto interventi fiscali intelligenti, non ho mai parlato di patrimoniali ma di proposte, di un modello fiscale che altri Paesi hanno già adottato”, ha concluso il ministro.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *