Arresto dei genitori di Renzi, Tiziano saluta i giornalisti dalla terrazza


Un saluto con la mano ai giornalisti. Con questo gesto oggi il padre di Matteo Renzi, Tiziano, dopo due giorni è riapparso in pubblico, per fumare un sigaro, sulla terrazza della casa di una delle sue figlie dove sta scontando gli arersti domiciliari insieme alla moglie Laura Bovoli. La casa si trova sopra la sede della “Eventi 6” a Rignano sull’Arno (Firenze), la società di proprietà della famiglia e al centro dell’inchiesta per fatturazioni false e bancarotta fraudolenta, e il gip ha concesso alla coppia il cambio di domicilio. (L’INCHIESTA). Resta invece segreta la location scelta per l’interrogatorio di garanzia dei coniugi Renzi, che si svolgerà lunedì 25 febbraio. Oltre a i genitori dell’ex presidente del Consiglio, altre 13 persone risultano indagate.

Il post di Tiziano Renzi: “La verità verrà fuori”

Nel frattempo, Tiziano Renzi ha rotto il silenzio e, su Facebook, ha scritto di “non augurare a nessuno, nemmeno al mio peggiore nemico, di vivere mai ciò che la Lalla e io stiamo vivendo”. Eppure, si è detto tranquillo, sicuro che “la verità prima o poi verrà fuori”. Ma per il momento, quello che scrivono i giornali, secondo Renzi, sono “solo le ricostruzioni dell’accusa. E queste ricostruzioni sono false”. False anche “le vicende del passato dalle quali siamo sempre usciti assolti”, sottolinea il padre dell’ex premier, che chiede a tutti di “aspettare i processi per vedere chi ha ragione”.

La solidarietà della politica

A parlare è anche il figlio, il senatore dem Matteo Renzi, che al Corriere della Sera ha detto: “Io sto qui, non mi muovo e non ho paura”. Parla di “campagna di odio” contro di lui e di “vigliacchi” che mettono in mezzo la famiglia: “Hanno messo al gabbio mia madre, di più non potevano fare”. Ma per l’ex segretario del Pd “tutta questa storia si rivelerà un boomerang”. Solidarietà ai coniugi Renzi è arrivata da diverse forze politiche. A cominciare dall’avversario Matteo Salvini: “Non ho niente da festeggiare perchè le battaglie le voglio vincere con le idee e con i fatti, non perché hanno arrestato due anziani genitori”. Anche il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, commenta: “Le disgrazie degli altri non mi rendono mai felice”, e invoca una “riforma della giustizia italiana”.






Leggi tutto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *