alla Scoperta di alcune delle Località dell’ “Isola Carceraria”



One Piece World Seeker è il nuovo progetto videoludico di Bandai Namco dedicato all’universo narrativo creato dalle matite di Eichiro Oda. Con l’avvicinarsi della pubblicazione, Florian Eichenauer, Product Manager presso la Compagnia, presenta su Playstation Blog alcune delle località che potremo visitare.

One Piece World Seeker è infatti ambientato all’interno di un’isola dalla storia piuttosto travagliata. Conosciuta in origine come “Isola Gioiello”, questa è stata successivamente sottoposta ad uno stretto controllo da parte del Governo Mondiale e ribattezzata “Isola Carceraria”. All’interno di quest’area, i videogiocatori, ovviamente nei panni di Monkey D. Rufy, potranno esplorare diverse aree. Per prepararvi ad affrontare al meglio le vostre avventure, Bandai ha deciso di ” presentarvi le varie regioni dell’isola e la loro storia!”.Sul Playstation Blog vengono citate quindici località differenti, tra le quali possiamo trovare diverse realtà.

A titolo di esempio, citiamo la Città Zaffiro, dove, al fine di contenere l’opposizione alla Marina, sono state costruite una Base ed una Torre d’Osservazione che sorvegliano l’accesso alla città stessa. Presente inoltre un altro insediamento, denominato Città di Miniera di Topazio: posizionato in prossimità di una miniera sulla cui sommità brilla una gigantesca gemma quest’ultima è ormai abbandonata. Numerosi agricoltori abitano invece Villaggio Rubino, a nord del quale è posizionata la minacciosa Torre Prigione. Oltre a quelli qui citati, l’Isola Carceraria ospita ulteriori punti d’interesse: per farvi un’idea di cosa potrebbe attendervi nelle vostre avventure a tema piratesco, potete dare un’occhiata alle immagini che trovate in calce a questa news.

Per approfondire ulteriormente le caratteristiche di One Piece World Seeker, vi segnaliamo che sulle pagine di Everyeye potete trovare una nostra Video Anteprima dedicata. Ricordiamo infine che il Titolo è atteso su Playstation 4, PC ed Xbox One a partire dal prossimo 15 marzo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *