Activision si prepara a licenziare centinaia di persone, secondo un report



Stando a quanto riferito da Bloomberg, martedì 12 febbraio Activision annuncerà il licenziamento di centinaia di dipendenti. L’obiettivo di quest’operazione, secondo la fonte anonima, sarebbe quello di “centralizzare le funzioni ed incrementare i profitti”.

Che la compagnia americana non se la stia passando affatto bene, non è un segreto. Dallo scorso ottobre il valore delle azioni è crollato quasi del 50%, Bungie si è separata definitivamente portando con sé i diritti di sfruttamento e distribuzione di Destiny, diversi esecutivi hanno mollato – tra i quali spiccano il CEO Eric Hirshberg e il presidente di Blizzard Mike Morhaime – e i rapporti con gli sviluppatori di Blizzard Entertainment si sono fatti piuttosto difficili. I vertici di Activision Blizzard, oltre ad aver chiesto alla casa di Irvine tempi più rapidi nello sviluppo di giochi, ha drasticamente ridimensionato le risorse di Heroes of the Storm. La Svezia ha inoltre richiesto il pagamento di ben 390 milioni di dollari a seguito dell’acquisizione di King e delle sue proprietà intellettuali, tra cui spicca Candy Crush Saga, da parte di Activision. In sostanza, gli svedesi vogliono essere pagati poiché il loro paese ha perso i diritti immateriali dei giochi della compagnia di sviluppo, finiti in America. Come se la situazione non fosse già difficile, il bonus di 15 milioni di dollari al nuovo CFO Dennis Durkin (sostituto di Spencer Newman) ha generato innumerevoli polemiche, dal momento che è arrivato in un periodo di difficoltà in cui vige una politica di riduzione dei costi (e degli stipendi).

Nonostante ci siano tutti i presupposti, ci teniamo a precisare che la notizia sulle centinaia di licenziamenti previsti per martedì non può essere considerata certa, dal momento che è stata messa in giro da una fonte anonima che non siamo in grado di verificare. Raggiunta dalla redazione di PC Gamer, Activision si è rifiutata di commentare. Restiamo in attesa di maggiori informazioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *